Search

Top&Flop di Lazio-Parma – Se piovesse il nome di Luis Alberto

TOP Lazio

Luis Alberto è tornato – Se in mezzo alle strade, o alla confusione, piovesse il nome di Luis Alberto, io, un finta per volta vorrei bere
Luis Alberto è tornato – Una doppietta per volta vorrei ubriacarmi.
Luis Alberto è tornato, con polemica – Non ci siamo mai detti le parole
Non ci siamo mai detti le parole giuste
Neanche per sbaglio
Neanche per sbaglio in silenzio
La città è piena di radio
Ma non sparisce mai la rete
Sarà la distrazione
Sarà, sarà, sarà
Che ho sempre polemica in bocca

Luis Alberto è tornato – Il gol da lontano dovrebbero farlo vedere nelle scuole. Il rigore meglio di no, grazie.

Luis Alberto è tornato – Sciogli le trecce a Correa, e le tue finte eleganti, ballano, balla per me balla balla, tutta la partita Patric è bello, fino a che, non finiranno le stelle, passa il pallone a Sprocati, io non completi un rosario, e rosario per te.

Patricio Gabarron – Una partita divina, poi fa come facciamo noi a FIFA, quando ci prende il Barcellona e ci mettiamo a fare i tocchi col portiere. E immancabilmente, legge di vita dura ma inesorabile, pigliamo gol.

Patricio Gabarron – Passa il pallone a Sprocati, e all’improvviso siamo nel bel mezzo del derby di Milano. Inter e Milan si giocano un delicatissimo derby Champions, e segna Vecino. Sempre lui, l’uomo più odiato. Ah no, svetta di testa Stefan De Vrij, che a Roma gli hanno fatto una damnatio memoriae che manco Nerone Dio lo maledica sempre. E in mezzo al campo compare Rancore che ci grida: “Io sono depressissimo
Depressissimissimo
Depressissimissimissimo
Non guardo più sto derby così
Che sono depressissimo
Depressissimissimo
Depressissimissimissimo
Non ascolto più, non ascolto de Vrij

Va-ffanculo, Stefan vai
Va-ffanculo Vecino vai
Va-ffanculo Inda
Va-ffanculo Luciano
Va-ffanculo Ausilio vai
Va-ffanculo Zhang vai
Va-ffanculo vita vai
Va-ffanculo amici della Lazio
Va-ffanculo comfort zone
Va-ffanculo Olanda vai
Va-ffanculo tulipano vai
Va-ffanculo parametro 0 vai
Va-ffanculo big match vai
Va-ffanculo, zitto
Vaffanculo, c’è Vecino di là
In quelle ore è sempre vuota, io mi sento a casa mia
E Gesù Cristo è l’unico che mi fa compagnia
Mi guarda, mi dice che la cosa è un po’ diversa
Il male si è vestito con con due stracci nerazzurri
Si leva il chiodo da una mano e mi fa una carezza
Poi mi dà uno schiaffo all’improvviso che mi spazza via
Mi parla, mi dice “Questo mondo è in mano alla Uefa
Che usando il Fair Play ha conquistato i bilanci
Forse l’Inter ha interpretato tutto in modo troppo pratico
Di farsi le domande vere non si ha mai il coraggio”

Poi Rancore va via, mi lascia nella mia comfort zone, tiro fuori un santino di Acerbi, e prego forte.

Marusic è un calciatore – E non c’è un punto di domanda

Marusic è un calciatore – Se Sepe non guarda il suo palo.

Flop Lazio

La gambeta di Strakosha – Il suo tentativo ossessivo di farci infartare è deprecabile.
La gambeta di Strakosha – Sembra tutto facile il primo tempo, per questo Thomas decide di provare la gambeta. E Radu je le promette.

E Radu je le promette – Ma che cosa gli ha detto? Mah, niente di che. TI STRAPPO IL CUOREEEEE
E Radu je le promette – Con una certa serenità che gli è propria.
E Radu je le promette – Posso posso posso, stringerti la mano e dire cose che non posso posso posso dire in italiano ma in ROMANO si che posso posso posso MALIMORTEEEE
E Patric pensa che Sprocati sia – Un unicorno che vola libero e glitterato in un universo di meravigliose e rosa coincidenze dell’amore.
E Patric pensa che Sprocati sia  – Con teeeee partiròòòòòò, diagonale a Strakosha, che io non ho maai veduto e vissuto con te, a te io la passerò
E Patric pensa che Sprocati sia – Un membro della sua boy-band
E Patric pensa che Sprocati sia – Una poesia da finire.
E Patric pensa che Sprocati sia – Ancora in squadra con noi.
E Patric pensa che Sprocati sia – Lui è Leggenda.

E noi pensiamo che Patric  sia – Bellissimo, ma un po’ orbo.
E noi pensiamo che Patric sia – Bellissimo, ma un po’ sexy.
E noi pensiamo che Patric sia – Il vero 10 della Lazio.
E noi pensiamo che Patric sia – Ma quando si sovrappone, non vi sentite tutti dietro la nuca quel brivido, quell’esaltazione selvaggia, la corsa folle di cavalli senza padrone in un’immensa prateria… AAOOOOOO TORNAAAA GUARDA CHE GIOCAMO A TREEEEE

Menzione speciale TOP
La dedica di Luis Alberto a Guerrieri – Ha detto tutto lui, quello che avremmo voluto dire noi. Daje Guido, siamo con te, laziale come noi. Papà ti segue sempre pure adesso. Lo ha sempre fatto, continuerà a farlo sempre.

Menzione speciale FLOP
Al derby di Milano mancano solo i due leocorni, e ce sta mezza ultima giornata dello scorso anno. Pensa, il difensore che ha fatto fallo da rigore contro l’Inter adesso gioca nell’Inter e segna di testa. Che bello il calcio, che bella la comfort zone. Che Dio te lasci sempre in comfort-zone, fuori da tutte le competizioni. E anche quest’anno, comunque, annate a vince qualcosa l’anno prossimo.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close