Search

Una punizione per tre

Tempo di pausa nazionali, e ovviamente saltano fuori scandali e polemiche in casa Lazio: tamponi, coronavirus, l’aereo, le parole di Luis Alberto, le sue scuse, l’intervento di Peruzzi, chi deve essere il tiratore delle punizioni…come dite? L’ultima non l’avete sentita da nessuna parte?

Forse perchè non fate parte del Laziocrazia Clan. Ed è un crimine imperdonabile, quasi come dire che Patric è brutto.

Ebbene sì, nel nostro gruppo ci siamo posti una semplice semplice domanda, che però non ha una risposta semplice: nella Lazio, chi deve tirare le punizioni? Il cuore e la testa direbbero entrambi Javier Garrido, se solo fosse ancora un nostro giocatore…

Che piedino fatato. A noi ce faceva schifo vero?

Come era facilmente prevedibile, non siamo arrivati ad una risposta definitiva. Ne abbiamo tre però che sono molto molto molto valide, e un’altra che potremmo usare come arma segreta.

– Danilo Cataldi: perchè è quello che calcia meglio di tutti

Risposta che ha avuto più voti delle altre, ma evidentemente non abbastanza. E risposta che è anche quella più immediata per moltissimi tifosi laziali: Danilo Cataldi ha mostrato più e più volte di saper vedere benissimo la porta da calcio piazzato, fin dai tempi della Primavera.

Basta ritornare indietro di nemmeno 12 mesi, all’ultimo trofeo che abbiamo vinto: partita chiusa con questa robetta semplice semplice.

Per poi ripetersi qualche mese dopo a Genova, sempre su punizione dal limite, sempre con il destro, sempre per segnare il 3-1.

Sembrerebbe perfetto no? E allora perchè la risposta non è così ovvia?
Per un semplice motivo: perchè al momento Cataldi non è un titolare nel centrocampo della Lazio. Avendo davanti a sè dei giocatori del calibro di Lucas Leiva, Sergej Milinkovic-Savic e Luis Alberto Romero Alconchel, Danilo parte dalla panchina. E quindi non sempre gioca, non sempre può battere le punizioni, e non sempre può segnare: quando c’è, palla a lui sicuro.

Ma quando non c’è?

– Sergej Milinkovic-Savic: perchè la Milinkocrazia non conosce confini

Infatti, nell’ultimo periodo ci ha pensato un ragazzone serbo a battere delle punizioni interessanti: negli ultimi tre campionati infatti, Milinkovic-Savic ha sempre segnato almeno un gol ogni anno da punizione diretta.

La qualità tecnica di Sergej c’è sempre stata, la potenza pure, e ora è arrivato il momento di lasciarlo fare. Noi ci fidiamo. Come potremmo d’altronde fare diversamente, quando ha un fratello che da portiere fa queste cosine al limite dell’assurdo?

Deve essere una cosa di famiglia allora, la Milinkocrazia

– Luis Alberto Romero Alconchel: perchè la punizione contro il Sassuolo rimane una delle più spettacolari

Di solito le punizioni vengono fatte tirare dai giocatori più tecnici di una squadra. E chi meglio di Luis Alberto? Chi ha dei piedi migliori del mago andaluso?

Nessuno, molto probabilmente. Nemmeno nell’intera Serie A. Anche perchè sono pochi quelli capaci di inventarsi una cosa del genere:

Seriamente: il 99,99% dei calciatori l’avrebbe crossata in mezzo

Il problema è che non si è più ripetuto. Solo un altro gol su punizione, contro la Fiorentina in una partita semplicemente allucinante, e poi nient’altro. La priorità per lo spagnolo ora sembra la ricerca del gol olimpico, cioè direttamente da calcio d’angolo: ma non è praticamente la stessa cosa di un calcio di punizione, solo in una posizione strana?

È che poi manca la barriera, troppo facile così Luis dai, ritorna a segnare da punizione.

– L’arma segreta: Felipe Caicedo

Quando mai l’Uomo Grosso tira punizioni? Ha così tanta abilità nel calciare, o un qualcosa di particolare? Assolutamente no. Ma se solo fosse una punizione nel recupero, ecco, un pensierino ce lo faremmo. Anche se non ha mai nemmeno tentato di tirare un calcio di punizione nella sua vita, ma nei minuti finali a Felipe Caicedo affideremmo la nostra stessa vita.

Ormai è finiCAICEDONEEEEEEEEEEE
Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close