Search

Pagelle Lazio-Udinese 0-0

Ora possiamo piangere e preoccuparci, la situazione è tragica

PROVEDEL s.v – Contiene bene Beto, anticipandolo di testa e leggendo bene i suoi movimenti: il fatto che non sia un giocatore di movimento è un dettaglio trascurabilissimo. Compensa anche in porta abbassando del necessario entrambe le traverse. USIAMO QUELLA DEL CALCETTO

LAZZARI 6 – Dopo la partita di giovedì non capisce che non è il caso di arrabbiarsi con gli avversari, e cerca solo la rissa contro Udogie. Il fatto che il bianconero sia il triplo di lui non lo scoraggia dalla lotta. TEMERARIO

CASALE 2 – Per una volta che Luis Alberto batte perfettamente un calcio d’angolo in mezzo, lui lo spreca trovandosi solissimo e mandandola fuori. Quindi prepariamoci ad una nuova era di angoli battuti malissimo. TERRORISTA

ROMAGNOLI 6,5 – Buona guardia là dietro, limitando gli attaccanti dell’Udinese e annullando completamente Beto che non combina niente. E condannando ufficialmente il nostro fantacalcio. BETO PRIMO SLOT

MARUSIC 6,5 – Nel finale di partita si lancia in una sovrapposizione clamorosa che ci stava entusiasmando, facendoci pregustare il suo rientro sul destro con conseguente tiro a giro imparabile. E invece no. UN SOGNO DISTRUTTO

MILINKOVIC-SAVIC 6,5 – Fa talmente quello che vuole con cose ai limiti della realtà che costringe l’arbitro ad ammonirlo quando prende la palla ad Arslan perchè ci ha abituati a continui capovolgimenti della realtà. UN ASSIST PERÒ CI SERVIVA

CATALDI 6 – Meglio in interdizione che in impostazione, non riesce a dare perfettamente i ritmi alla manovra, ma almeno stavolta non regala il gol agli avversari con un passaggio scriteriato. PASSI IN AVANTI

(Dal 65° LUIS ALBERTO 6 – Cerca sempre i compagni di inventare qualcosa, ma senza il riferimento di Immobile non sa a chi servirla in profondità, e sta cosa lo abbatte completamente. ORA VUOLE DI NUOVO TORNARE AL SIVIGLIA)

VECINO 6,5 – Una gran prestazione inserendosi ovunque e comunque, trovando persino uno scatto in velocità nel finale per creare una ripartenza devastante. Devastante però per quelle due tartarughe a bordo campo. IPER VELOCITÀ

ANDERSON 5,5 – Fatica a trovare i movimenti giusti al centro dell’attacco, sconvolto dall’aver saltato un avversario dopo circa 5 anni dall’ultima volta: ci rimane malissimo, non è più quello che stavamo vedendo. NON SEI PIÚ QUELLO DI MIFIST

(Dall’88° CANCELLIERI s.v. – Non fa in tempo a giocare abbastanza minuti per prendere gli insulti da tutti. GRAZIATO)

IMMOBILE 4,5 – Alla fine quello che temevamo da sempre si è avverato, dopo averle giocate tutte per forza si deve fermare per un infortunio: speriamo non sia niente di grave, ma inconcepibile che non abbia ottimizzato i tempi facendosi male prima della pausa per i Mondiali. CHE AVREBBE BOICOTTATO LO STESSO

(Dal 29° PEDRO 1 – Imperdonabile il cross sbagliato all’ultimo minuto, ma va anche detto che senza Caicedo che segnava non sapeva a chi darla. BOLLITO)

ZACCAGNI 6,5 – In questa partita cerca di battere il record mondiale di falli subiti e gialli procurati, rimanendoci malissimo quando Becao, pur di non aiutarlo più in questo tentativo, fa finta di farsi male pur di non giocare più. ANTIPATICO

SARRI 3 – Grande prova di solidità difensiva, con quella che ormai è la miglior difesa della serie A, anche senza il Gabarron a guidarla, e soprattutto una grande prestazione contro un avversario in ottima forma dopo le fatiche di giovedì sera. Però si sa, senza Gabarron non si vince. VATTENE

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close