Search

Pagelle Lazio-Sassuolo 2-1

Se non soffriamo non siamo noi.

STRAKOSHA 6 – Evita prima il gol sicurissimo di Scamacca, poi prova a dare l’opportunità a Defrel, poi ancora si salva con il palo, poi dorme fino al 90 che tanto non succede niente. ALTALENA DI EMOZIONI

LAZZARI 8 – Nuovo modello della John Deere: il “Manu”. Ara tutta la fascia senza problemi di funzionamento, senza mai incepparsi e con funzionalità a sorpresa che migliorano i precedenti intoppi. Infatti Lazzari sa che non deve crossare, e così oggi segna. COLPO A SORPRESA

PATRIC 10 – Ritorna titolare, la Lazio vince e la Bellezza trionfa. NON LASCIARCI MAI

ACERBI 3 – Che poi vabbeh, passino pure le sortite in avanti senza motivo, ci sta che se sei un difensore centrale vuoi provare il brivido dell’offensiva. Ma rivedremmo, di grazia, quel grande senso della posizione. NON PROPRIO OTTIMALE

MARUSIC 2 – Dal nostro Re ci aspettavamo il gol su quel tiro a giro. Delusione enorme, sembrava fatta apposta per festeggiare il rinnovo. ORA VOGLIAMO LA REPUBBLICA

MILINKOVIC-SAVIC 9 – Il Sassuolo schiera moltissimi giocatori giovani, giovanissimi, specialmente a centrocampo. Talmente giovani che vengono completamente portati a scuola dal centrocampista più forte di questo campionato. Sergej è ovunque, e fa letteralmente quello che vuole quando vuole contro chi vuole. Alla fine anche Sarri è costretto a farlo uscire per pietà. NEI CONFRONTI DEL SASSUOLO

(Dall’84° BASIC s.v. – In conferenza stampa Sarri ha detto che deve crescere di più, ma in panchina fraintendono e lo fanno giocare sotto il diluvio così si annaffiano i piedi e diventa più grande. RIMEDI DELLA NONNA)

LEIVA 8 – Monumentale per come insegue qualsiasi avversario, copre qualsiasi linea di passaggio e ferma qualsiasi cosa transiti dalle sue parti. Un voto in meno però per non aver commesso neanche un fallo, non è da lui. CHE TI SUCCEDE LUCAS, STAI BENE?

(Dal 78° CATALDI 6 – Entra in campo per far congelare la partita, ma Danilo, fraintendendo il tutto, inizia a congelare il campo di gioco con una grandinata devastante. DOMINATORE DEGLI ELEMENTI)

LUIS ALBERTO 7 – “Non ha cercato il tiro, ha crossato sul secondo palo come fa sempre!” Perdonali Luis perchè evidentemente non ti hanno mai visto giocare. Oppure, ed è quello che succede a noi, ogni volta ti fai ammirare talmente tanto per come giochi che sembra sempre la prima volta che ti vediamo su un campo da calcio. MAGIA

(Dal 92° AKPA-AKPRO 10 – Entra e dopo dieci secondi se ne va palla al piede. Una roba che ci ha emozionato come non accadeva da tempo. IL RITORNO DELLO JEDI)

ANDERSON 7 – Con Lazzari e Milinkovic decide che la fascia destra è zona loro, tutti devono lasciargli la palla e fargli fare quello che vuole, altrimenti subito a messa in ginocchio sui ceci. BULLETTO

IMMOBILE 5 – Un giorno ci dovranno spiegare come sia possibile che un attaccante che in Nazionale segna valangate di gol poi nel suo club si divori incredibili occasioni su occasioni. Queste ultime due settimane lo hanno decisamente distrutto dal punto di vista del morale, speriamo sia per l’ultima volta e di rivedere ben presto il classico Ciro che segna sempre lui. QUELLO DELLA NAZIONALE INSOMMA

ZACCAGNI 7 – Cuce il gioco, inventa, scarta tutti, ripiega in difesa, fa impazzire i difensori, protesta con l’arbitro. Praticamente quest’estate con lui abbiamo preso tutta un’intera squadra. ZACCAGNIC

SARRI 7 – La squadra è sua e lo segue in pieno, rispondendo con una prestazione di carattere al passo falso di due settimane fa. Per 93 minuti una Lazio perfetta, ma siamo sicuri che quegli ultimi due minuti i giocatori se li ricorderanno benissimo per quanto poco siano piaciuti all’allenatore. COMANDANTE

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close