Search

Pagelle Lazio-Lecce

Chi schiera Patric non perde mai

STRAKOSHA 7.5 – Se vinciamo gran parte del merito è suo: sui gol non può niente, ma ne evita uno clamoroso di Babacar sull’1-1 e addirittura lo ipnotizza dal dischetto. Anche a tempo scaduto evita la doppietta a Lapadula con un riflesso non si sa come. Ma lo ha fatto solo perchè Inzaghi aveva Babacar al Fanta. MO TI RICORDI CHE PARO EH?

PATRIC 6.5 – Bello bello bello. E incredibilmente anche preciso in difesa, sempre pronto a spazzarla via come se non ci fosse un domani. Ma spazzate bellissime. IL DIFENSORE, IL BELLO, LO FACCIO IO.

(Dal 72° BASTOS 5.5 – Quissanga ha a disposizione solo una ventina di minuti per non farci dimenticare di lui, e decide di giocare con le nostre coronarie facendo segnare il Lecce. Tanto mica ci siamo preoccupati, ma va… THRILLER)

LUIZ FELIPE 6 – Dirige la difesa, ma non sempre è lucidissimo. A volte troppo irruento, a volte sbaglia a cercare l’anticipo. Però quando prende fiducia mostra tutto il suo potenziale, che sembra più che notevole. DI SICURO MEGLIO DI VAVRO

ACERBI 7 – Il solito monumentale Ace. In difesa non ne fa passare una, e già che c’è si dimostra un’ala aggiunta, spingendo con costanza sulla sinistra e crossando per il 2-1. Crossa meglio lui di Lulic. AH BEH, CHE ROBA DIFFICILE

LAZZARI 6.5 – Nel primo tempo è veramente un treno, e incredibilmente viene anche servito dai suoi compagni. Cala un po’ nel finale, ma solo perchè stava pensando alla strada da fare per riaccompagnare a casa Immobile. TAXI DRIVER

MILINKOVIC-SAVIC 7 – Nel primo tempo non si vede mai. Ma proprio mai. Nel secondo decide di giocare, e allora segna il gol del vantaggio, si guadagna il rigore, fa partire il contropiede del 4° gol. Fai un po’ quello che vuoi dai. STA MANO PO’ ESSE MILINKOVIC O PO’ ESSE SAVIC

LEIVA 5 – Oggi sembrava il gemello cattivo e scarso del brasiliano. Costantemente in difficoltà, preso in mezzo da Mancosu e Tacthsidis. E nemmeno una randellata a nessuno. Forse dovrebbe riposare un po’ e ritrovare la condizione. LUCAS CI MANCHI TORNA PRESTO TI VOGLIAMO BENE

(Dal 51° CATALDI 6 – Danilo entra e fa cose semplici. Che servono sempre, e vanno più che bene. PER LE LEGNATE C’È TEMPO)

LUIS ALBERTO 6.5 – Lo sappiamo, non può sempre giocare come aveva fatto a San Siro. Anche se è quello che vorremmo. GIOCALA ANCORA LUIS

LULIC 5 – La Lazio gioca e crea insistentemente sulla sinistra. Ma i cross li fa Acerbi. AH PERCHÈ, DEVO FARE QUALCOSA?

CORREA 8 – Non segna mai, dicevano. Lo dicevamo anche noi fino a due mesi fa, poi il Tucu deve averci sentito: segna sempre. Anche oggi, in cui ne fa addirittura due, uno più difficile dell’altro. Forse basta solo non fargli fare le cose facili. Intanto carrer high già raggiunto dopo 3 mesi. IL MIGLIOR TUCU DI SEMPRE

(Dall’85° BERISHA s.v. – non tocca palloni al 94′, basta questo. PASSI IN AVANTI)

IMMOBILE 7 – Più o meno la stessa cosa di Milinkovic: primo tempo non ha praticamente palloni, ma nel secondo si prende la responsabilità enorme del rigore. Ed è strepitoso nella gestione del contropiede del 4-1 con cui fa segnare Correa e si regala il quinto assist del campionato. Oltre al 14° gol di questo campionato, 102 totale. Rocchi e Giordano già tremano. E SEGNA SEMPRE LUI

INZAGHI 6.5 – Questa squadra gioca a memoria, sempre all’attacco. Forse però bisognerebbe insegnare ai ragazzi di essere molto più cinici, possiamo anche vincere senza creare 1278973298798 occasioni. Da rivedere più di qualcosina anche sui calci piazzati eh. SPIACE PER I CALCI D’ANGOLO

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close