Search

Il decreto di Conte spiegato attraverso la Lazio

Lo si aspettava con ansia, trepidazione, le goccioline che cadevano dalla fronte e uno strano senso di agitazione che ricordava quando si vedeva Reja chiamare Sculli per dirgli di entrare in campo e cambiare la partita. Poi, alla fine, in extremis come un goal di Kozak a chiudere la settimana, è arrivato. Conte si è palesato e ha tenuto una conferenza stampa meno chiara di quelle di Del Neri e meno fluida di una diagonale di Radu. Insomma, dopo qualche minuto di ascolto si sono guardati tutti basiti al grido di “Ma che Hitzlsperger ha detto?”.

Il modo migliore per capire che differenza c’è tra la fase 1 e la fase 2, la cui risposta più esplicativa è “le partite giocate da Leitner con la Lazio”, quindi “nessuna”, è analizzare i punti principali del nuovo Dpcm (che non è il nuovo esterno croato puntato dalla Lazio) rivisitandoli in chiave laziale. Perché si sa: la lingua del calcio è la più compresa da tutti.

  1. Mascherine nei luoghi pubblici confinati

Immaginate che la mascherina sia come gli scarpini da calcio con i tacchetti adatti a non far scivolare sul campo e a mantenere quindi un certo livello di sicurezza. Pensare ad esempio a Immobile che si sbatte in ogni partita da un angolo all’altro del campo e che spesso e volentieri scivola, perché sbaglia tipo di tacchetti. Ecco: sembra logico indossare gli scarpini quando si va a fare una passeggiata? No, gli scarpini vanno indossati solo quando si entra in campo, in un luogo confinato. La mascherina inoltre va indossata bene, deve coprire naso e bocca. Perché, qualcuno indossa gli scarpini con i tacchetti da pioggia quando invece il terreno è secco? Sì, Immobile!

  • Spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità

“Acerbi ma ‘ndo vaiii, stamo a perde ma perché sali sulla fascia? Vai a difendere”.

Se Acerbi tenta la scampagnata offensiva in un reparto non di sua competenza sul risultato di 2 a 0 per noi, lo insultiamo. Se invece lo fa quando stiamo perdendo ci fomentiamo e lo incitiamo.

In sintesi Acerbi deve spostarsi in avanti solo se per situazioni di necessità o esigenza lavorativa, se si sposta senza motivo si becca la multa. E gli insulti.

3. Si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti

No, se ve lo state chiedendo Immobile e Acerbi non sono considerati congiunti nonostante tra di loro si chiamino “amore” e il loro amore sia forte, fortissimo. Nemmeno Luis Alberto e Caceres. O qualsiasi brasiliano e il compagno che lui chiama “irmao”. Quelli sono fidanzati, non congiunti. I congiunti sono i parenti come ad esempio i fratelli Filippini che infatti giocavano e si trasferivano nelle squadre sempre insieme.

4. I soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5) devono rimanere presso il proprio domicilio

I giocatori che avranno la classica febbre pre-partita (leggi Totti prima dei vari derby), dovranno rimanere a casa e non saranno convocabili. Praticamente Konko dovrebbe vivere in eterna quarantena.

5. Vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e privati

Non importa che tu abbia segnato e voglia esultare abbracciando i compagni, abbia sbagliato un rigore al novantesimo come Correa contro il Bologna e i tuoi compagni di squadra vogliano metterti le mani addosso, ciò non è concesso. Non si possono creare assembramenti, quindi saranno solamente concesse esultanze individuali con il dito alzato verso la Sud, quello sì.

6. Accesso del pubblico ai parchi, alle ville, ai giardini pubblici come sopra e mantenendo la distanza interpersonale

Se lo si desidera, si può esultare con il dito alzato verso la quercia di Villa Ada.

7. Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto

La ludica partitella del giovedì in cui la prima squadra affronta la Primavera vincendo 34785237 a 0 è vietata. Al momento rimane quindi vigente la classifica capocannoniere aggiornata all’ultima partitella di febbraio:

Immobile 32643 goal

Correa: 487

Patric: 324

Caicedo: 123

Luis Alberto: 120

Luiz Felipe: 115

Il magazziniere 1: 96

Il magazziniere 2: 84

Il giardiniere: 27

Tare: 10

8. Sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e genere

La Lazio rimarrà seconda in classifica per almeno altre tre settimane.

9. Chiusi i ristoranti ma consentita la consegna a domicilio e la ristorazione con asporto

Lukaku può continuare a mangiare da Mc Donald’s, a patto che si porti i 10 Big Mc a casa.

10. Consentita l’attività sportiva e motoria individuale

Possiamo vincere il campionato. Ma solo alla Playstation. No mamma, mio fratello più piccolo non lo faccio giocare, si può solamente da soli.

“Ah, dimenticavo: spiace per questa quarantena”

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close