Search

Cosa ha detto Radu ad Abisso?

L’espulsione di Stefan Radu è stata una gioia per gli occhi per qualsiasi tifoso laziale. Tutti invidiosi, in ginocchio davanti alla tv, che avremmo pagato pur di essere al posto del gladiatore biancoceleste per dirne quattro ad Abisso. E forse abbiamo urlato oscenità tutti in coro, migliaia di voci che all’unisono imprecano contro una sola persona, il tutto espresso dalla furia cieca di Radu. Poi Icardi segna il rigore, si va alla lotteria finale, vince la Lazio e noi ci risvegliamo la mattina dopo nel reparto cardiologia dell’ospedale più vicino. E adesso la decisione del giudice sportivo: Radu ha preso non una, non due, non tre bensì quattro giornate di squalifica. Venghino siori venghino, che ci sono i saldi. Dall’altra parte Dzeko ne prende due per una situazione praticamente analoga durante Fiorentina-Roma – eccetto che per la spinta di Radu di cui si parla nel comunicato della Lega, ma che ravvisare è praticamente impossibile – ed è tutto molto bello. Quindi noi ci chiediamo: cosa avrà mai detto di così tremendo Radu ad Abisso per meritarsi quattro partite da casa? Proveremo a darci una risposta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

STEFAN #Radu #LazioNapoli #serieatim #sslazio #football #avantilazio #curvanord12 #lazionews24

Un post condiviso da Lazionews24.com (@lazionews24) in data:

Come si può vedere, Radu è un tipo tranquillo

Il rigore c’era, ma secondo me la carbonara vegana è più buona di quella vera“. Quattro giornate di squalifica meritatissime, sia per l’uscita infelice che per il tentativo di andare contro l’inflazionatissima moda antivegana. Un po’ di originalità Stefan, su.

Tra un arbitro normale e te c’è un Abisso“. In questo caso quattro giornate sono più che giustificate per la battuta terra terra, che mai ci saremmo sognati di concepire. Radu, vergogna su di te.

Sei peggio di Giacomelli“. Probabilmente il peggior insulto che si possa fare ad un arbitro.

Ma che emozione? Ma che emozione? Che cazzo dici?“. Abisso aveva suggerito che Milinkovic avesse sbagliato a causa dell’emozione del momento, Radu ha reagito così: quattro giornate per violazione di copyright, tra l’altro tutto sotto il naso del detentore dei diritti.

Il sistema calcistico italiano è malato e da anni favorisce le cosiddette big a scapito delle altre, e la classe arbitrale è evidentemente complice di tutto ciò. Questo rigore è voluto dai Poteri Forti“. E’ bastato un attimo, Soros si è infiltrato nell’auricolare di Abisso e ha comunicato al direttore di gara di procedere con l’espulsione, per poi spingere per le quattro giornate di squalifica. Domani, misteriosamente, Radu non si presenterà a Formello.

Il rigore c’era, se avessimo giocato con la difesa a quattro tutto questo non sarebbe successo“. Quattro giornate di squalifica su pressione di Simone Inzaghi.

MA CHE C$%Z0 DICI LI MO4T&&I TUA E DE CHI NUN TE LO DICE TE POSSA PIA ‘N COLPO! AH ROSSO? METTITELO NEL C$£0!“. Ricostruzione meno attendibile e probabilmente aderente ai fatti. E’ risaputo che Radu non è un tipo scurrile.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close