Search

10 statistiche sulla Lazio di cui non avevamo bisogno

1. Il portiere che c’è rimasto: Pepe Reina. L’addio di Proto unito alla misteriosa sparizione di Strakosha rendono lo spagnolo l’unico sopravvissuto nella retroguardia biancoceleste. Aspettando Furlanetto, ovviamente.

2. I biancocelesti attualmente positivi al Covid-19: Luiz Felipe e Sergej Milinkovic-Savic. Il brasiliano dovrebbe essere sulla via della completa guarigione: in attesa di rivederlo presto in campo, aspettiamo con ansia il nostro Sergente bloccato in Serbia. Maledetta pausa nazionali..

3. Il 3-5-2 vero e proprio marchio di fabbrica di mister Inzaghi, ma anche il numero di consonanti che compongono il nome AKPA-AKPRO!

4. Verrebbe subito in mente quel “quattro” sulla mano mostrato da Spalletti in occasione del derby vinto 4-2 l’11 aprile 2009 (vi ricordate che gol Maurito?). Questa settimana però il 4 si addice bene ai precedenti contro il Crotone: 2 vittorie all’Olimpico, 1 pareggio e 1 sconfitta in Calabria. E’ ora di invertire la tendenza.

5. I punti della Lazio collezionati in questa prima fase del girone di Champions. E’ il terzo miglior parziale dopo 3 partite nella massima competizione europea considerando i 7 punti della stagione 1999-2000 e i 6 punti dell’annata 2000-2001.

6. Le volte in cui Caicedo è andato a segno negli ultimi minuti dalla stagione 2017-2018: Sampdoria, Sassuolo, due volte la Juve, Cagliari e Torino le prede preferite della Pantera.

7. Come il numero sulla maglia di “Mr Saudade” Felipe Anderson che da Porto lancia continui segnali d’amore e affetto alla Lazio. Torna Pipe, sta casa aspetta te!

8. La media selfie di Patric durante la giornata (li ho contati, giuro!)

9. I tecnici della Lazio ad aver vinto almeno 1 trofeo in 120 anni di storia: Bernardini, Lovati, Maestrelli, Eriksson, Mancini, Rossi, Ballardini (!), Petkovic e Simoncino nostro.

10. Luis Alberto, talento indiscusso e indiscusso protagonista della settimana: i veleni, le polemiche, le scuse, i video sui social, i viaggi in aereo e i conti nel portafoglio. Speriamo sia finita qui, in caso contrario dovremmo tornare a puntare su altro indimenticato numero 10 della nostra storia: Bonanni.

BONUS TRACK. UNDICI, come i nostri undici che scendono in campo ogni weekend, spesso gli unici disponibili dopo giornate di tamponi alterni, ma anche undici come i punti che abbiamo attualmente in classifica e, romanticamente, come le gare che mancano a Stefan Radu (attualmente a quota 383) per raggiungere Pino Wilson e le sue 394 presenze diventando così il secondo giocatore nella storia della Lazio  per presenze nella classifica all-time.

Punti pensati, raccolti, inventati (?) da Simone Landi

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Laziocrazia.eu © Copyright 2018. All rights reserved.
Close